Senza of… FESA!!!

[puregallery]

Fesa di tacchino

 

Stamattina fesa di tacchino ad un ottimo prezzo, una buona occasione per preparare due o tre arrosti da porzionare e surgelare (quando accendo il forno cerco di ottimizzarne i consumi), perché non farlo?

Un taglio di carne spesso considerato “asciutto” e bistrattato, la fesa (se ben usata) può riservare piacevoli sorprese che completano una carne poco ricca di gusto ed io so di avere in casa qualche ingrediente che potrà essere utile …

Se ci aggiungo che è la scusa ideale per provare ad utilizzare il lardellatore, che mi ha regalato Anna, ed un modo per sfruttare i porcini freschi che non ho potuto fare a meno di acquistare (non ho resistito  al profumo intenso  ed allo splendido aspetto che avevano), ho dovuto  aggiungere solo prendere dal frigorifero qualche fetta di lardo di colonnata ed un paio di carote, per completare la ricetta.

Gli aromi arrivano freschi direttamente dal piccolo giardino che la mia Signora cura affettuosamente (è vero che, nonostante il suo lavoro, ha una produzione annuale di solo 20 mirtilli e 20 lamponi gialli e 8 fragoline di bosco … ma in compenso potremmo distribuire coste a tutto il condominio), vero anche che lo scorso anno si è cimentata nel tentativo (inutile) di produrre zucchine e che quest’anno tenterà nuove colture ma, indiscutibilmente,  a lei spetta il compito di “addetta agli aromi”…

Una volta arrivato a casa, invece di fare un arrosto “classico”, ho deciso di posare il lardellatore (che userò in una prossima occasione) ed ho optato per un arrotolato, avrei potuto cucinarlo anche in pentola ma oramai il forno era già acceso per cui … voilà!!!

 

fesa

 

Metre le carote sbucciate cuociono per qualche minuto nel microonde ed i funghi porcini vengono trifolati con olio  e. v. o. e due spicchi d'aglio in camicia, aprire "a libro" la fesa di tacchino e batterla bene (tra due fogli di carta forno)  per assottigliarla un pò. Adagiare la fesa di tacchino su un foglio di carta forno, salare  e fare uno strato di lardo di colonnata, inserire le carote (che avrete tagliato a strisce grosse) ed i funghi porcini ed arrotolarla, ricoprirla con il rimanente lardo e legare con spago da cucina (legando all'esterno i rametti di rosmarino e la salvia). Scaldare bene una padella (appena unta con olio e. v. o.) e rosolarla, sfumare con un bicchiere di vino bianco secco, trasferire in una teglia  ed infornare (coperta con carta d'alluminio) dopo avere aggiunto un bicchiere d'acqua, forno a 200 gradi, controllando il liquido di cottura (aggiungendone se serve), per circa 90 minuti. Addensare il fondo di cottura con un pò di maizena ed affettare (alto un dito) solo dopo avere fatto riposare una decina di minuti.    
Fausto

Fausto

Nato a Reggio di Calabria, dove ho vissuto i miei primi 20 anni, ne ho trascorsi una decina in giro per l'Italia lavorando, per decidere di stabilirmi in provincia di Brescia.

Ciao, grazie di avere visitato il mio post, mi farà piacere rispondere a qualsiasi tua domanda,

Seguimi

Ricevi ogni ricetta o post via email

Inscerisci il tuo indirizzo:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: