Tavolozza di pollo

[puregallery]

 

 

Quante diete ho fatto in questi anni, ricordo ancora la mia “prima Scarsdale” (provata insieme a mio padre), poi una lunga “dissociata”, poi ho ben pensato di farne una iperproteica e perchè non un’ottima ipocalorica (con dietologo di sostegno).

E poi e poi … così nasce l’esigenza di non trasformare il momento del cibo in una parentesi triste e ripetitiva, a base di bistecca alla griglia ed insalata scondita, un’esigenza che spinge me e mia moglie a pianificare il menu settimanale ed inserire alimenti che spesso avevamo dimenticato, rivalutare l’uso di cereali, legumi, carni bianche e tanti altri cibi che, per pigrizia o “gola”, non trovavano spazio da tempo nei nostri piatti.

Abbiamo capito che esistono “momenti” più o meno favorevoli, in cui siamo più predisposti mentalmente a rivedere le nostre cattive abitudini e cerchiamo di mettere a frutto la nostra esperienza per sopire la parte golosa che ci caratterizza.

Oggi mia moglie non ha molta voglia di rispettare  la dieta ( ci toccherebbe il petto di pollo alla griglia), l’ennesima sfida è lanciata ed immediatamente recepita: dare gusto e forma alla cena, senza incidere sulle calorie!!!

Ho imparato, avendo enormi problemi a mantenere un peso accettabile, a cucinare “light” ma dando sapore con ingredienti semplici e sani, ecco che pochi abbinamenti mi consentono di trasformare un semplice involtino in un’allegoria di colori e sapori che “camuffano” la semplicità delle materie prime utilizzate.

Stasera ho vinto la prima sfida con i petti di pollo, vedremo domani quale altro compito mi sottoporrà la mia dolce metà … altro che la monotonia della routine matrimoniale, in casa nostra ogni scusa diventa argomento per una nuova idea, per un cambiamento, per una piccola rivoluzione quotidiana, ecco da cosa nasce questo piatto che non potevo che chiamare: Tavolozza di pollo!!!

Peperoni in forno o su griglia, per poterli spellare bene, intanto tagliare a fettine sottili il petto di pollo e battetelo tra due fogli di cartaforno. A cottura dei peperoni metteteli in un sacchetto di carta (vi semplificherà l'operazione di spellatura), preparare un misto di pangrattato, parmigiano grattugiato ed origano selvatic0, spellare e pulire i peperoni tagliandoli a strisce e cominciare a procedere con il ripieno degli involtini. Stese le fettine sul piano di lavoro, spolverizzare con il mix aromatizzato, un filo di olio e poggiare una falda di peperoni rosso ed una di peperone giallo sopra, avvolgerli bene e fermarli con uno spiedino. Scaldare bene una padella antiaderente con pochissimo olio ad ungerla, rosolarli a fuoco vivo e sfumare con un goccio di brandy, aggiungere pochissima acqua e terminare la cottura coperti, impiattando aggiungere dell'origano sopra.
Fausto

Fausto

Nato a Reggio di Calabria, dove ho vissuto i miei primi 20 anni, ne ho trascorsi una decina in giro per l'Italia lavorando, per decidere di stabilirmi in provincia di Brescia.

4 commenti

  1. deve essere ottimo!

    1. Grazie, fammi sapere se ti sono piaciuti quando li farai

Ciao, grazie di avere visitato il mio post, mi farà piacere rispondere a qualsiasi tua domanda,

Seguimi

Ricevi ogni ricetta o post via email

Inscerisci il tuo indirizzo:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: